venerdì 16 gennaio 2015

TARTE TATIN

Il tempo passa veloce, corre con in mano una staffetta che cerchi di afferrare, ma l'impresa pare impossibile!
Il tempo è sempre in anticipo di qualche secondo su di te e va.. e tu dietro, a volte trafelata, altre a passo spedito, altre ancora avanzi lenta quasi a dire: fermati un attimo!
Ma lui, il tempo.. non aspetta.
Qualcuno dice che uno dovrebbe godersi il viaggio non solo la meta, ma a me pare che godere del tempo mentre si marcia è molto complicato, troppe cose a distoglierci dalla nostra vita.
Tanta confusione, tante parole, tante situazioni inutili che ci impediscono di assaporare il tempo del silenzio e della contemplazione.
Non che si debba diventare monaci Buddisti, non che ci sia nulla di male a diventarlo, sia chiaro!
Parlo di fermarsi un attimo, senza temere di aver perso qualcosa.
Avete mai provato a togliere l'audio alla tv?
E' una cosa che faccio spesso, un esempio sciocco eppure molti programmi sveleranno tutta la loro idiozia, molte scene tutta la loro crudezza e tristezza, molte immagini vi appariranno magnifiche, altri insignificanti, ma vi assicuro che farete molta più attenzione a quello che guarderete, fermerete lo sguardo, l'attenzione
Un attimo di attenzione in più per osservare, per parlare, lasciare qualche minuto in più il pensiero in testa prima di regalarlo al mondo con una parola o un gesto, molte cose forse.. dico forse, andrebbero meglio.
Oh mamma mia, che riflessione lunga!!
E tutta questa riflessione dove mi porta?
A questo week end, nel quale spero di trovare del tempo per me, rilassarmi chiudendo fuori il rumore e magari iniziare la giornata con una colazione sublime, una fetta di torta tutta francese: la Tarte Tatin.
Tutti conoscono questa torta, fatta da un guscio friabile di pasta brisée, mele, una spolverata di cannella e del caramello morbido a completare, un inizio di giornata ottimo!
Per chi ancora non lo sapesse, la Tarte Tatin fu creata per errore dalle sorelle Tatin intorno la fine del 1800.
Le sorelle Tatin, gestivano un ristorante, un giorno una delle due dimenticò di mettere la pasta brisée sotto le mele che caramellarono con il burro e lo zucchero, per rimediare posero la pasta sopra le mele, completarono la cottura della torta e alla fine capovolsero tutto, creando uno dei dolci più famosi e apprezzati della Francia e non solo!
La mia versione è liberamente ispirata al sito francese Milleur du Chef, la ricetta della brisée è la stessa mentre ho modificato, per questione di gusto, la quantità di mele e il caramello nelle dosi.
La Tarte Tatin va consumata calda o tiepida, magari accompagnata da panna acida o da gelato alla vaniglia, ma vi assicuro  che anche semplice è ottima come dessert o per iniziare una giornata.


Tarte Tatin




Ingredienti
per 6/8 persone

Pasta Brisée
250 GR DI FARINA "00"
125 GR DI BURRO (Lurpak per me)
1 TUORLO D'UOVO
4/5 CUCCHIAI DI ACQUA FREDDA
1 PIZZICO DI SALE FINO
1 BACCA DI VANIGLIA BOURBON (o una bustina di vanillina)

Copertura
4/5 MELE (preferibilmente Renette)
1 LIMONE
80 GR DI BURRO
100 GR DI ZUCCHERO SEMOLATO
1/2 CUCCHIAINO DI CANNELLA IN POLVERE

Occorrente
STAMPO 24 cm (che possa essere usato sui fornelli e nel forno)
SETACCIO
CARTA PELLICOLA
RECIPIENTI
MATTERELLO

Per cominciare preparate e pesate gli ingredienti, setacciate la farina in un recipiente cui aggiungerete un pizzico di sale e i semi della bacca di vaniglia (incidendola con un coltello nel senso della lunghezza e raschiando via i semi).

Brisée
Alla farina unite il burro freddo a dadini, iniziate a lavorare con la punta delle dita (come si fa per la frolla) e dopo qualche minuto aggiungete il tuorlo d'uovo e piano piano i cucchiai di acqua, sempre continuando ad impastare, fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Fate una palla  con la pasta ottenuta, ricoprite di carta pellicola e mettete in frigorifero per 30 minuti.
Accendete il forno (statico) a 190°gradi.

Copertura
Mondate le mele, eliminate il torsolo e dividete in 8 spicchi, strofinate le mele sbucciate con il limone, mettetele in un recipiente e spolverate con la cannella.
Ponete il burro a dadini nello stampo per torta, mettete su fuoco basso e appena inizia a sciogliersi, aggiungete lo zucchero semolato a pioggia distribuendolo su tutta la base dello stampo, lasciate sciogliere, ogni tanto roteate la pentola invece di usare palette.
Appena lo zucchero inizia ad imbrunire, allontanate lo stampo dalla fiamma, aggiungete gli spicchi di mela partendo dal bordo a formare dei cerchi concentrici, posizionandole come delle mezze lune una accanto all'altra, cercate di riempire tutti gli spazi e rimettete lo stampo sul fuoco medio per 10 minuti, senza girare o muovere la pentola.

Stendete la pasta brisée con un matterello, leggermente più ampia della circonferenza dello stampo, bucherellatela con una forchetta, facendo un piccolo foro anche nella parte centrale per far fuoriuscire il vapore in cottura.
Spegnete il fuoco, ponete la sfoglia di brisée sulle mele, rimboccate i bordi verso l'interno e infornate a 190°gradi per 25 minuti, poi abbassate la temperatura a 170° mettete ventilato per circa 8-10 minuti, non appena si colora, spegnete.
Tirate fuori la torta e capovolgetela su un piatto (meglio se di coccio o ceramica) facendo attenzione a non scottarvi, il caramello colerà fuori capovolgendola.
Et voilà.. ecco pronta la vostra Tarte Tatin!

Tarte Tatin




Nota
E' importante capovolgere la torta appena sfornata o il caramello raffreddandosi vi impedirà l'operazione.
Fondamentale la scelta del burro di ottima qualità, possibilmente burro prodotto con sistema di centrifugazione.






giovedì 8 gennaio 2015

Bifun con verdure saltate

 Bifun? Cos'è?
Me lo sono chiesta anche io la prima volta che ho sentito questo nome.. eppure lo avevo già mangiato o meglio, mangiati!
I Bifun altro non sono che i tipici spaghetti giapponesi fatti di riso, sono leggeri, senza glutine e saziano facilmente, se li abbinate a delle verdure saltate, ecco pronto un pasto sano e nutriente.
Il riso è un alimento ricco di carboidrati con poche proteine e pochissimi grassi, facilmente digeribile grazie all'assenza di glutine, è povero di sale quindi ottimo per chi soffre di pressione alta.
Queste sono solo alcune delle qualità di questo alimento, che è piatto cardine nell'alimentazione di molti paesi come: il Giappone, la Cina, l'India.
Cucinare questi spaghetti è semplicissimo, in circa 15 minuti avrete un primo piatto ottimo, colorato e gustoso e in linea con la dieta disintossicante post bagordi Natalizi!


Bifun con verdure saltate





Ingredienti
per 2 persone

100 GR. BIFUN
1 ZUCCHINA GRANDE
1 PORRO
2 CAROTE
6/7 FUNGHI CHAMPIGNON PICCOLI
SALE
OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA
ANETO

Occorrente

1 PENTOLA
1 PADELLA
1 COPERCHIO

Per cominciare lavate le verdure, mondate le carote e riducetele in piccole listarelle, tagliate allo stesso modo la zucchina.
Tagliate il porro a rondelle e i funghi finemente.
Mettete a bollire dell'acqua in un recipiente.

In una padella versate 3 cucchiai di olio extravergine d'oliva, mettete su fuoco medio basso e aggiungete le carote tagliate a listarelle, coprite con il coperchio, lasciate andare per 5 minuti mescolando ogni tanto.
Aggiungete poi le zucchine, i funghi, il porro tagliato a rondelle e una presa di sale, coprite e lasciate andare altri 7 minuti circa, mescolando ogni tanto.
Appena l'acqua bolle salatela, versate i Bifun, spegnete il fuoco e coprite con un coperchio, lasciate 3 minuti, tirate fuori gli spaghetti con una forchetta per colare un po' d'acqua e versateli nella padella, togliete il coperchio, alzate la fiamma per 1 minuto circa, aggiungendo se necessario un po' d'acqua di cottura, non mescolate troppo o gli spaghetti si spezzeranno tutti, piuttosto aiutate il condimento ad amalgamarsi agitando la padella.
Impiattate, spolverate con un po' di aneto e serviteli caldi.



lunedì 29 dicembre 2014

Capodanno e belle sorprese!

E' un po' che sono latitante con nuove ricette, ma osservo le altre foodblogger in azione, giro in rete e quando posso: viaggio, assaggio e provo nuovi ingredienti e combinazioni.
La cucina è un arte divertente, curiosa, interessante e anche faticosa.
La cucina è condivisione, ricordo e sperimentazione, mettere le mani in un impasto lievitato, sentire i profumi di un piatto appena fatto, assaggiare un nuovo sapore, tutto questo fa bene all'anima.
Vero è, che in Italia siamo fortunati: il clima, la terra, la famosa dieta mediterranea, ci hanno permesso di essere noti in tutto il mondo per il nostro cibo, come allo stesso tempo ben noti lo siamo anche per altre vicende legate al nostro paese che di lustro ce ne danno ben poco; ma per una volta comportiamoci come gli stranieri: diamo valore a ciò che abbiamo, curiamolo, preserviamolo e tornerà indietro molto più di ciò che abbiamo dato.
In questa annata nera per l'olio extravergine d'oliva colpito dai parassiti che hanno ridotto drasticamente la produzione di uno dei beni alimentari più preziosi che abbiamo, in questo anno in cui sembriamo l'unico popolo di ladri al mondo ma non è proprio così, in questo ennesimo anno di crisi globale ancora ben visibile a molti, si apre a Milano l'EXPO 2015 un'evento importante per il nostro paese, al quale dobbiamo guardare con fiducia.
L'Expo 2015 è un'esposizione universale che coinvolge 144 paesi e 3 organizzazione internazionale, che attraverso percorsi multimediali, convegni, dibattiti, mostre ed eventi, tratteranno il tema dell'alimentazione e dell'energia del pianeta, un viaggio attraverso culture e popoli, un'opportunità unica aperta al pubblico dal 1 Maggio 2015 al 31 Ottobre 2015.
Qualche settimana fa sono stata contattata con mia grande sorpresa dalla community di Worldrecipes, che altro non è che un ricettario globale, cui possono aderire tutti coloro che si intendono per qualche verso di food e cucina, per scoprire e condividere le ricette e la tradizione culinaria di molti paesi.
Ho deciso di aderire, di partecipare a questa vetrina internazionale e così Home Made è diventato Contributor di Expo worldrecipes. 
Partecipare è semplice, in breve tempo anche tu puoi far parte del grande progetto Expo 2015.




Ed ora.. vorrei augurare un 2015 pieno di felicità, serenità e buone opportunità a tutti quelli che mi seguono o che sono capitati per caso su questa pagina e voglio salutare il 2014 con una ricetta dolce già postata, ma che riscuote sempre un gran successo e che può essere il dolce ideale per il vostro cenone: una torta cioccolato panna e lamponi.
Una torta morbida, golosa, che strizza l'occhio al nuovo anno con un tocco di rosso!


Torta cioccolato panna e lamponi

La ricetta la trovate quì

giovedì 6 novembre 2014

Bomba o non bomba!

"Bomba o non bomba.. noi arriveremo a Roma.." così cantava Venditti qualche anno fa, il contesto della canzone non ha nulla a che vedere con il motivo per cui io ne uso l'incipit in questo post e cioè parlare del meteo, delle notissime "bombe d'acqua"e non solo...
Oggi, allerta massima maltempo anche nella capitale, per una perturbazione che ha praticamente bloccato tutta la città: scuole chiuse, tutti serrati a casa (chi ha potuto!), in attesa di vedere il diluvio universale "dal vivo" con tanto di arca di Noè.
Tg che mostrano a ripetizione, quattro o cinque situazioni critiche verificatesi in alcuni punti della capitale, utilizzando il linguaggio del terrore e diciamolo pure, un po' discutibile, tipo l'ormai usatissimo:"bomba d'acqua!".
Eppure nella zona in cui vivo, ci sono stati due episodi di pioggia violenta durati 10 - 15 minuti in tutta la giornata, per il resto poca pioggia, molte nuvole.
C'è stato qualche allagamento, metro chiuse in alcune stazioni e rami caduti per le raffiche di vento, ma in realtà il disagio almeno a Roma, c'è tutte le volte che piove con maggiore intensità o per qualche ora in più ed avviene sempre nelle stesse zone.
Forse bisognerebbe ripulire qualche tombino e potare gli alberi quando splende il sole?
Per fortuna anche stavolta, di Noè nemmeno l'ombra!
Pensando alla parola bomba, che evoca sempre qualcosa di disastroso, ho voluto legarla a qualcosa di gastronomico.. come si fa ogni tanto, parlando di qualcosa di molto appetitoso, invitante, ma non proprio light, la famosa bomba calorica!
Complice la pioggia, il cielo plumbeo e quei quattro o cinque ingredienti base in dispensa, ho preparato qualche brownies al cioccolato con panna montata.
Come trasformare qualcosa di brutto, in qualcosa di buono, in meno di un'ora!
La ricetta la trovate quì.


Brownies con panna


lunedì 1 settembre 2014

Plumcake con pesche tabacchiere

Dov'è finita l'Estate?
Eccezion fatta per quelle fasi da clima equatoriale urbano, che a volte si manifestano e mettono in ko tecnico, il fisico, io amo l'Estate!
Amo il sole caldo, il potermi vestire di niente, gironzolare in casa con gli short, stare a piedi nudi, farmi una doccia tiepida ed asciugarmi i capelli all'aria aperta e poi il mare.. che quest'anno ho visto solo 5 giorni, ma meglio di niente!
L'odore dell'estate non l'ho nemmeno sentito in questi mesi, è stata la stagione delle "bombe d'acqua" e non dei "colpi di calore".
Tanta pioggia, cambiamenti repentini di clima e ciliegina sulla torta.... oggi 1 Settembre sembra già autunno.
Ma non è possibile, mi volete forse privare anche dell'ottobrata romana ???
Eh no, ora è troppo!
Non potrei sopportarlo.
L'estate è passata, zitta zitta tipo Babbo Natale ed ora, bisogna aspettare tutto un anno per godere ancora del caldo?
Sarà colpa del fantomatico Anticiclone delle Azzorre?
Beh, a qualcuno la colpa la dovremmo pur dare!
O forse è solo una stagione così, atipica, diversa, troppo timida per manifestarsi e non c'è nessun nuovo buco nell'ozono da cercare e nessun inquinamento alle stelle, forse doveva solo andare così.
Sperando nelle future settimane, oggi, per ricreare il giusto clima ho acceso il forno e mi sono dedicata ad un dolce veloce e piacevole: un plumcake alle pesche, per la precisione pesche tabacchiere, quelle schiacciate, con la polpa bianca, quelle che preferisco, dolci e dal sapore delicato.
Ingredienti semplici, tra cui l'olio extravergine d'oliva, velocità nell'esecuzione, non occorre montare nulla ma solo un po' di energia per amalgamare il tutto, ed in poco tempo potrete godere di un dolce soffice e profumato.


Plumcake con pesche Tabacchiere





Ingredienti
per 8-10 persone

230 GR DI FARINA "00"
125 GR DI ZUCCHERO SEMOLATO
1 UOVO MEDIO
125 GR DI YOGURT BIANCO
1/2 BICCHIERE DI LATTE FRESCO
3 CUCCHIAI DI OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA (sapore leggero)
9 GR DI LIEVITO IN POLVERE PER DOLCI
1/2 BACCA DI VANIGLIA BOURBON
2 PESCHE TABACCHIERE (non molto mature)
1 NOCE DI BURRO
1 CUCCHIAIO DI ZUCCHERO DI CANNA
1 CUCCHIAIO DI ZUCCHERO A VELO

Occorrente
2 RECIPIENTI
1 STAMPO DA PLUMCAKE DA 23 CM
1 FRUSTA MANUALE
1 SETACCIO
CARTA DA FORNO

Per cominciare pesate tutti gli ingredienti.
In un recipiente setacciate: la farina e il lievito insieme, poi aggiungete lo zucchero.
Rivestite lo stampo da plumcake con carta da forno.
Accendete il forno a 180°gradi.

In un altro recipiente mettete: l'uovo, i semi della bacca di vaniglia (incidendo la bacca con un coltello nel senso della lunghezza), lo yogurt, il latte e l'olio ex. d'oliva, mescolate vigorosamente con la frusta  per qualche minuto, a questo punto aggiungete gli ingredienti secchi (farina, lievito e zucchero) poco alla volta, continuando a mescolare con la frusta fino ad ottenere un composto omogeneo
Ora versate il composto nello stampo da plumcake, battete un po' lo stampo sul piano, per distribuirlo uniformemente e far fuoriuscire eventuali bolle d'aria che possono formarsi nella lavorazione.
Sbucciate le pesche tabacchiere, ricavate delle fette rettangolari spesse un dito ed inseritele sopra il plumcake facendole penetrare appena nel composto, creando un disegno che somiglia alla tastiera di un pianoforte.
Poi adagiate dei fiocchetti di burro sulle pesche e spolverate sopra un cucchiaio di zucchero di canna.
Infornate il plumcake a 180°gradi per circa 35 minuti, fate la prova stecchino per verificare che sia asciutto all'interno e poi sfornate.
Fate raffreddare, sformatelo dallo stampo e a piacere potete spolverare con zucchero a velo.

Consigli 
Ove non segnalato, quando parlo di temperatura del forno mi riferisco sempre al forno statico non ventilato, l'ho già scritto ma repetita iuvant!
Se avete solo il ventilato dovete mettere a 160° gradi.
Se non trovate le pesche tabacchiere va bene anche qualsiasi altro tipo, l'importante è che non siano troppo mature (vi sconsiglio la pesca noce).


giovedì 21 agosto 2014

Vacanza breve nella terra dell'olio d'oliva, del mare e del vento...

Appena 7 giorni di pausa in un anno, appena 7 giorni per avventurasi in una regione lunga lunga e piena di tante cose da vedere e da assaporare: la Puglia.
Per scoprirla tutta ci vorrebbe un mese o forse più: il profumo del mare, l'aria fresca della sera, piccoli borghi da visitare e poi il buon cibo, immancabilmente condito con olio extravergine d'oliva.
Sette giorni divisi tra Ostuni e Peschici.
Due borghi bianchi, il primo su una collina a pochi chilometri dall'Adriatico, stradine strette che si arroccano verso la cattedrale ora Basilica, di Santa Maria dell'Assunzione, con uno dei rosoni, tra i più grandi d'Europa e intorno al borgo, verso il mare, tante masserie dove concedersi un sano relax.
L'altra tappa, Peschici, piccolo borgo direttamente sul mare, incastonata nel verde promontorio del Gargano tra pinete, boschi e calette di sabbia finissima.
I Pugliesi amano la loro terra e ti trasmettono come possono il loro amore, partendo sempre dalla tradizione.
Proprio a Peschici, c'è un ristorante meraviglioso a picco sul mare, vista mozzafiato, cura nei dettagli e professionalità, lì uno Chef d'eccellenza, un caro amico, ti rapisce con un menù speciale: si parte da prodotti genuini tipici del posto, che si fondono sapientemente e raccontano una storia, quella di Domenico Cilenti e di tutti quelli che credono nella cucina di qualità.
La Porta di Basso è uno dei gioielli di Peschici, lì il sapore del mare si lega a quello della terra in modo straordinario, assaporare un piatto equivale a vivere un'esperienza straordinaria, che racconta questi luoghi.
Di foto ne ho fatte pochissime in questo mini tour Pugliese e non solo per mancanza di attrezzatura, comprerò presto una bella macchina fotografica, volevo godermi i momenti vissuti senza necessità di fermarli in uno scatto ma fissandoli nella mente e nel cuore, come si faceva un tempo.
Vi lascio tre scatti, non eccelsi ma autentici e semplici, come il mio viaggio nella terra di Puglia.


Tramonto Marina di Ostuni - Costa Merlata

Basilica di Santa Maria dell'Assunzione - Ostuni

Luna rossa a Peschici

giovedì 5 giugno 2014

Torta alla frutta

Sono latitante dal blog da un po' e vi confesso che continuerà ad essere così.. per una serie di motivi che non sto qui a spiegarvi, ma spero di farvi qualche sorpresina ogni tanto, magari con una ricetta...
Come quella di oggi, una torta morbida, una crema alla vaniglia e la freschezza della frutta.
Una torta perfetta per questo periodo, una base leggera fatta con olio extravergine d'oliva, una crema vellutata e aromatica e la frutta di stagione.
La ricetta della torta è della mia amica Patrizia detta anche Patty, una base interessante per diverse preparazioni, in questo caso l'ho sposata al più classico degli abbinamenti: crema pasticciera,la mia ricetta classica e la dolcezza e acidità della frutta:banana,kiwi,more,lamponi,fragole e ananas.
Allora si va... torta alla frutta, per una pausa fresca e genuina!
Oddio l'ultima frase sa molto di slogan pubblicitario, che io non preferisco, colpa del periodo chiedo venia, ma guardate qui sotto: non avete voglia di mangiarne una fetta?


Torta alla frutta




Ingredienti
per 10 - 12 persone

Per la torta
6 TAZZINE DI ZUCCHERO SEMOLATO
8 TAZZINE DI FARINA "00"
2 UOVA MEDIE
4 TAZZINE DI LATTE
2 TAZZINE DI OLIO EX. D'OLIVA (sapore leggero)
BUCCIA GRATTUGIATA DI 1/2 LIMONE NON TRATTATO
1/2 BACCA DI VANIGLIA BOURBON
1 BUSTINA DI LIEVITO PER DOLCI
1 PIZZICO DI SALE
1 NOCE DI BURRO per la teglia

Per la crema pasticciera alla vaniglia
400 GR DI LATTE INTERO FRESCO
100 GR DI PANNA FRESCA LIQUIDA
90 GR DI TUORLI
100 GR DI ZUCCHERO SEMOLATO
10 GR DI AMIDO DI MAIS
25 GR DI FARINA 00
1/2 BACCA DI VANIGLIA BOURBON

Per guarnire
1/2 BICCHIERE DI SUCCO DI ANANAS
FRUTTA FRESCA A PIACERE
1 BUSTINA DI GELATINA PER DOLCI IN POLVERE

Occorrente
1 TEGLIA DA 30 - 32 CM
SBATTITORE
SETACCIO
PENNELLO DA CUCINA
PENTOLINO
GRATTUGIA
FRUSTA MANUALE

Per cominciare lavate la frutta che non ha necessita d'esser sbucciata (tipo frutti di bosco o fragole) e mettetela ad asciugare su un foglio di carta assorbente.
Pesate tutti gli ingredienti che servono per la torta e setacciate la farina con il lievito, in un recipiente a parte.
Imburrate la teglia.
Accendete il forno a 160°.

Torta
In un recipiente versate: le uova, lo zucchero, un pizzico di sale, la buccia grattugiata di mezzo limone, i semi di mezza bacca di vaniglia (incidendola con un coltello dal lato lungo) e montate tutto con lo sbattitore, per circa 10 minuti.
Aggiungete l'olio ex. d'oliva e continuate a mescolare, poi il latte amalgamando il composto con la frusta manuale per qualche minuto, aggiungete gradualmente la farina, precedentemente setacciata con il lievito.
Quando avrete ottenuto un composto liscio ed omogeneo, versatelo nella teglia precedentemente imburrata ed infornate a 160° gradi per 40 minuti circa.
Fate poi la prova stecchino, sfornate e lasciate raffreddare bene prima di sformare il dolce.

Crema pasticciera
In un recipiente montate, con lo sbattitore, i tuorli con lo zucchero semolato e i semi di mezza bacca di vaniglia, fino ad ottenere un composto chiaro, aggiungete poi la farina e l'amido di mais precedentemente setacciati, miscelate bene con l'aiuto di una frusta manuale.
La bacca di vaniglia priva dei semi mettetela in un pentolino con il latte e la panna a scaldare a fuoco medio, non deve bollire.
Appena il latte con la panna saranno ben caldi, togliete la bacca e versate i liquidi a filo sulle uova montate, mescolando con la frusta, poi versate tutto il composto nel pentolino
Portate ad ebollizione a fuoco basso, continuando a mescolare fino a quando bolle, fate rapprendere la crema 1 minuto circa poi spegnete il fuoco e versate tutto in un recipiente, altrimenti nel pentolino la crema continuerà a cuocere.
Fate raffreddare almeno 1 ora,coprendola con un foglio di carta pellicola o carta forno.

Guarnizione e assemblaggio
Preparate la gelatina, secondo le istruzione riportate dietro la vostra bustina e lasciatela da parte, girandola di tanto in tanto.
Tagliate la frutta come più vi piace.
Sformate la torta e con un coltello, tagliate circa 1/2 centimetro dello strato superiore, per permettere alla bagna di penetrare meglio.
Prendete il succo di ananas (meglio se fresco) e con il pennello da cucina, distribuitelo sopra la torta.
Ora versate la crema, disponete la frutta e da ultimo la gelatina.
Riponete in frigorifero qualche ora prima di mangiarla.

Consiglio
Utilizzate un olio extravergine d'oliva di ottima qualità e dal sapore leggero o né andrà del buon gusto della torta.